STORY, PLACES

bozza cover liam

l bellissimo video che segue unisce le suggestioni dei luoghi del romanzo, quelle della musica di cui è permeato e alcuni piccoli brani scelti. Enjoy!

Io, Liam – il video

Liam

Liam viene da lontano, dall’Irlanda del VII secolo d.C. ed è destinato a una vita innaturalmente lunga. Elisa è una giovane donna moderna, che vive un vuoto colmabile solo dal suo amore per il canto. Nella vita di Liam sembra esserci posto unicamente per la vendetta e il sangue; una promessa, però, fatta a Cathal, suo amico fraterno, lo accompagnerà lungo i secoli, fino a che il cerchio non si chiuderà una volta per tutte. Il suo progetto verrà sconvolto proprio dall’incontro con Elisa, e da un nemico implacabile che minaccia tutto ciò che imprevedibilmente è giunto ad amare. Mantenere un basso profilo, non indulgere all’amore o all’odio, era stato fondamentale, ma non ci era sempre riuscito. Si era nascosto in posti impervi anche umanamente, cambiando luogo ogni volta che la sua perdurante giovane età veniva notata. Si era illuso che la vita potesse avere un senso ma aveva finito per lavarsi via dal cuore ogni sentimento profondo. E proprio ora qualcuno veniva a togliergli le ragnatele dall’anima.

L’Irlanda

connor Pass

Connor Pass, Irlanda. http://www.madia.it/md_irlanda12sud.htm

Perché L’Irlanda? Come mai Liam è irlandese? Non si può rispondere a questa domanda senza svelare troppo; basti il fascino dolce e rude di una terra antica e forte, come possiamo immaginarcela nel VII secolo dopo Cristo: villaggi, erba alta, verde dovunque e un Cristianesimo che cominciava ad affacciarsi alla coscienza delle persone.

Correva fra la vegetazione e l’erba alta gli segnava con violenza le gambe e il corpo. A stento vedeva dove stava andando. Il sole era alto e l’aria tiepida. Ansimava forte, ma non voleva fermarsi. Il bisogno di andare, di sentire ancora l’odore dell’erba, di percepire il proprio corpo nella violenza del movimento, era troppo intenso. Non aveva una meta ma sentiva che quel momento, l’aria satura, il cielo e le rare nuvole, erano preziosi, unici, anche se non avrebbe saputo dire il perché.

(pagina 8)

Gallarus Oratory, Dingle, Irlanda

Gallarus Oratory, Dingle, Irlanda

“La cristianizzazione dell’Irlanda fu voluta dal Papa S. Celestino I (422-432) che inviò in quella regione il Vescovo e Apostolo S. Patrizio, che vi sbarcò nel 432. In realtà, il Cristianesimo vi era stato già introdotto dal vescovo Palladio, inviato dallo stesso Papa S. Celestino I, ma quando S. Patrizio iniziò colà il suo apostolato, l’isola era ancora pagana per la massima parte. Si deve alla immane attività di questo santo se l’Irlanda, alla morte dell’apostolo avvenuta nel 493, era diventata quasi tutta cristiana. ” fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*